la parola della domenica

 

Anno liturgico C
omelia di don Angelo nella nona Domenica dopo Pentecoste
secondo il rito ambrosiano


11 agosto 2019



 

 

1Sam 16,1-13
Sal 88
2Tm 2,8-13
Mt 22,41-46

Che cosa sta prima e che cosa sta dopo il brano del vangelo di Matteo che ora abbiamo ascoltato. Prima Gesù aveva subito un attacco devastante, senza respiro, dalle autorità religiose e morali del tempo. A ondate scribi e farisei, poi gli erodiani e poi i sadducei e alla fine, buon ultimo, ancora un fariseo, mandato a chiedergli quale fosse per lui il comandamento grande della legge. A questo punto pone lui una domanda, che si rivelerà una domanda sulla sua identità: "Voi dite che il Messia è figlio di Davide; e perché mai Davide lo chiama Signore?".

Dietro il paravento delle loro dispute teologiche delle loro dispute e delle loro elucubrazioni, una cosa era sottesa e chiara: che non gli riconoscevano la sua identità di Signore, mentre la folla, vedendo come aveva chiuso loro la bocca, era presa da ammirazione per lui. E ancora una volta ecco che chiude la bocca a loro, al loro arzigogolare sulla religione, alla ipocrisia con cui ostentano la loro appartenenza alla religione. Una religione a copertura della loro autorità, una religione asfissiata in un groviglio di precetti, un nominare il nome di Dio invano. Lui, secondo il loro giudizio, aveva procurato un terremoto nel modo di intendere Dio e la religione. Aria nuova. E ciò gli era dovuto - rianimare una religione asfittica - gli era dovuto perché lui era sì figlio di Davide, ma anche Signore di Davide. Questo era il problema!

E, dopo aver risposto all'ultimo fariseo, ecco che Gesù cambia - diremmo - interlocutori, Il vangelo di Matteo lo annota con un "allora". "Allora" - "allora", come se non ne potesse più di quelle dispute - "Allora Gesù si rivolse alla folla e ai suoi discepoli dicendo: "Sulla cattedra di Mosè si sono seduti gli scribi e i farisei. Praticate e osservate tutto quello che dicono. Ma non agite secondo le loro opere, perché essi dicono ma non fanno. Legano infatti fardelli pesanti e difficili da portare e li pongono sulle spalle della gente, ma essi non vogliono muoverli neppure con un dito. Tutte le loro opere le fanno per essere ammirati dalla gente" (23, 1-5).

Segue una pagina tra le più roventi del vangelo: Con sette invettive durissime di Gesù nei confronti di scribi e farisei, cui lega una parola inquietante, la parola "ipocriti": "Scribi e farisei ipocriti". Marchiata di nero da Gesù l'ipocrisia religiosa. Che accade quando si pronunciano nomi sacri e si fa tutt'altro. Dimenticando il monito che sta scritto nelle dieci parole: "Non nominare il nome di Dio invano", E lo si nomina a vanvera o a sproposito, o addirittura dissacrandolo. Il 15 giugno scorso il cardinale Bassetti, presidente della conferenza episcopale italiana, invitava noi tutti a mettere in campo tutta la nostra intelligenza per non lasciarci irretire dai pifferai magici di turno. Un invito a non permettere che i nomi vengano usati sconsacrandoli.

Leggevo in questi giorni una citazione che mi ha molto colpito di Albert Camus, parole che dovrebbero farci molto pensare. Scrive: "Nominare male le cose è partecipare alla infelicità del mondo". Anche il nome di Davide. Il nome Davide ricorre oggi in tutte le nostre letture. Al Messia viene dato il nome di Figlio di Davide. Pensavo leggendo che per Gesù la sua discendenza da Davide non era una discendenza puramente nominale. Quella di Davide era stata una storia segnata da Dio. Davide - dobbiamo riconoscerlo - non sempre aveva fatto ciò che è bene agli occhi del Signore, però non si sarebbe riconosciuto in una autorità spocchiosa, arrogante, delirante come quella dei suoi oppositori, estenuati dall'assillo dell'apparire, del dominare, quasi occupassero loro il posto di Dio.

Davide riconosce la distanza, riconosce la sua colpevolezza. Nonostante tutto ha conservato un cuore umile davanti a Dio: non è lui il Signore assoluto. Quasi riconoscesse e non dimenticasse le sue origini. A volte era Dio stesso a ricordagliele, quando se ne stava dimenticando. Nel secondo libro di Samuele è scritto che un giorno Dio disse al profeta Natan: "Ora dunque riferirai al mio servo Davide: Così dice il Signore degli eserciti: Io ti presi dai pascoli, mentre seguivi il gregge, perché tu fossi il capo d'Israele mio popolo (2 Sam 7,8). "Io ti presi dai pascoli". E' parola da non dimenticare. Oggi ci ha sfiorato con il suo fascino il brano tratto dal primo libro di Samuele, che racconta l'elezione a re di Davide da parte di Dio.

E dentro il racconto appaiono in tutta evidenza i criteri che guidano le scelte di Dio. Noi assistiamo - forse un po' anche divertiti - alla scena di quel padre che, sapendo che uno dei suo figli verrà unto come re, si industria a farli passare davanti uno ad uno al profeta, a partire da quelli più maturi, più appariscenti, i più forti. Ma a Samuele che stava per lasciarsi lusingare da questi criteri di grandezza, il Signore replicò: "Non guardare al suo aspetto né alla sua alta statura. Perché non conta quello che vede l'uomo. L'uomo infatti vede l'apparenza, ma il Signore vede il cuore". Bellissimo.

È il criterio della scelta di Dio: il cuore, non i muscoli, ma il cuore! E la scelta cadde sul più piccolo, che non era nemmeno in casa, era lontano a pascolare il gregge. Lo mandarono a chiamare e, su ordine di Dio, Samuele unse, in mezzo ai suoi fratelli, proprio lui, il piccolo, uno che veniva dal prendersi cura del gregge, dalla cura di un gregge. Mi lascio prendere dalle immagini. Due. La prima: "il Signore guarda il cuore". La seconda: "Ti ho preso dal gregge" La prima - "Il Signore guarda il cuore" - fa piazza pulita di tutte le nostre ostentazioni, sovraesposizioni, nella stagione dell'apparire. Pur di apparire facciamo di tutto. Che pena! Dio guarda il cuore. Non inganniamo e non lasciamoci ingannare. E poi com'è il mio cuore? Io sono di cuore? La seconda immagine: "Ti ho preso dal gregge".

Se pensassimo che siamo tutti stati presi dal gregge, dal paese della nostra piccolezza, dalla passione del prenderci cura del piccolo, faremmo piazza pulita da ogni sussulto di hubris, di tracotanza, di insolenza, di prevaricazione. Io sento che me lo devo ricordare: sono stato preso dal gregge, non ho niente da sbandierare. "Ti ho preso dal gregge". "Il Signore guarda il cuore".

 

Lettura del primo libro di Samuele - 1Sam 16, 1-13

In quei giorni. Il Signore disse a Samuele: "Fino a quando piangerai su Saul, mentre io l'ho ripudiato perché non regni su Israele? Riempi d'olio il tuo corno e parti. Ti mando da Iesse il Betlemmita, perché mi sono scelto tra i suoi figli un re". Samuele rispose: "Come posso andare? Saul lo verrà a sapere e mi ucciderà". Il Signore soggiunse: "Prenderai con te una giovenca e dirai: "Sono venuto per sacrificare al Signore". Inviterai quindi Iesse al sacrificio. Allora io ti farò conoscere quello che dovrai fare e ungerai per me colui che io ti dirò". Samuele fece quello che il Signore gli aveva comandato e venne a Betlemme; gli anziani della città gli vennero incontro trepidanti e gli chiesero: "È pacifica la tua venuta? ". Rispose: "È pacifica. Sono venuto per sacrificare al Signore. Santificatevi, poi venite con me al sacrificio". Fece santificare anche Iesse e i suoi figli e li invitò al sacrificio. Quando furono entrati, egli vide Eliàb e disse: "Certo, davanti al Signore sta il suo consacrato!". Il Signore replicò a Samuele: "Non guardare al suo aspetto né alla sua alta statura. Io l'ho scartato, perché non conta quel che vede l'uomo: infatti l'uomo vede l'apparenza, ma il Signore vede il cuore". Iesse chiamò Abinadàb e lo presentò a Samuele, ma questi disse: "Nemmeno costui il Signore ha scelto". Iesse fece passare Sammà e quegli disse: "Nemmeno costui il Signore ha scelto". Iesse fece passare davanti a Samuele i suoi sette figli e Samuele ripeté a Iesse: "Il Signore non ha scelto nessuno di questi". Samuele chiese a Iesse: "Sono qui tutti i giovani?". Rispose Iesse: "Rimane ancora il più piccolo, che ora sta a pascolare il gregge". Samuele disse a Iesse: "Manda a prenderlo, perché non ci metteremo a tavola prima che egli sia venuto qui". Lo mandò a chiamare e lo fece venire. Era fulvo, con begli occhi e bello di aspetto. Disse il Signore: "Àlzati e ungilo: è lui!". Samuele prese il corno dell'olio e lo unse in mezzo ai suoi fratelli, e lo spirito del Signore irruppe su Davide da quel giorno in poi. Samuele si alzò e andò a Rama.

Sal 88 (89)

La tua mano, Signore, sostiene il tuo eletto. Un tempo, Signore, parlasti in visione ai tuoi fedeli, dicendo: "Ho portato aiuto a un prode, ho esaltato un eletto tra il mio popolo. R Ho trovato Davide, mio servo, con il mio santo olio l'ho consacrato; la mia mano è il suo sostegno, il mio braccio è la sua forza. R Egli mi invocherà: "Tu sei mio padre, mio Dio e roccia della mia salvezza". Io farò di lui il mio primogenito, il più alto fra i re della terra". R

Seconda lettera di san Paolo apostolo a Timòteo - 2Tm 2, 8-13

Carissimo, ricòrdati di Gesù Cristo, risorto dai morti, discendente di Davide, come io annuncio nel mio Vangelo, per il quale soffro fino a portare le catene come un malfattore. Ma la parola di Dio non è incatenata! Perciò io sopporto ogni cosa per quelli che Dio ha scelto, perché anch'essi raggiungano la salvezza che è in Cristo Gesù, insieme alla gloria eterna. Questa parola è degna di fede: Se moriamo con lui, con lui anche vivremo; se perseveriamo, con lui anche regneremo; se lo rinneghiamo, lui pure ci rinnegherà; se siamo infedeli, lui rimane fedele, perché non può rinnegare se stesso.

Lettura del Vangelo secondo Matteo - Mt 22, 41-46

In quel tempo. Mentre i farisei erano riuniti insieme, il Signore Gesù chiese loro: "Che cosa pensate del Cristo? Di chi è figlio?". Gli risposero: "Di Davide". Disse loro: "Come mai allora Davide, mosso dallo Spirito, lo chiama Signore, dicendo: "Disse il Signore al mio Signore: Siedi alla mia destra finché io ponga i tuoi nemici sotto i tuoi piedi"? Se dunque Davide lo chiama Signore, come può essere suo figlio?". Nessuno era in grado di rispondergli e, da quel giorno, nessuno osò più interrogarlo.

 

 


 
stampa il testo
salva in  formato rtf
Segnala questa pagina ad un amico
scrivi il suo indirizzo e-mail:
 
         
     

 
torna alla home