la parola della domenica

 

Anno liturgico B
omelia di don Angelo nella sesta Domenica dopo il martirio di S.G.B.
secondo il rito ambrosiano


7 ottobre 2018



 

 

Is 45,20-24a
Sal 64
Ef 2,5c-13
Mt 20,1-16

 

Leggiamo. Sorprendente la parabola. Penso che sbaglieremmo se la leggessimo con criteri puramente economici o sindacali. Erano un po' i criteri che erano rimasti ancora impigliati nella mente dei discepoli. Pensate, nonostante tanto cammino fatto con Gesù, siamo ormai alla fine del viaggio. Badate bene questa è una parabola in risposta. Ecco come si presenta nel testo greco, con una piccola ma significativa aggiunta che ti spinge ad andare a ritroso; è scritto: "II regno dei cieli infatti è simile a un padrone di casa".

"Infatti", dunque la parabola conclude un discorso. Che cosa era successo prima? Gesù stava mettendo in guardia i discepoli dalla nostra ossessione per la ricchezza, quando Pietro sembrò aprire, diremmo, una vertenza sindacale: "Ecco, noi abbiamo lasciato tutto e ti abbiamo seguito; che cosa dunque ne otterremo?". Le sue parole - mi sono detto - assomigliano molto alle parole degli operai della prima ora, che fanno tutte le loro rimostranze con il padrone della vigna perché a loro proprio non va giù che gli ultimi abbiano lavorato un'ora soltanto e ricevano la stessa paga di loro che hanno sopportato il peso della giornata e il caldo.

Come se gli dicessero: "Tu non sei giusto. Tu non fai e cose giuste". Le parole - voi mi capite - toccano Dio. Non giusto. Quando nel rotolo di Isaia proprio oggi abbiamo trovato scritto: "Fuori di me non c'è altro dio; / un dio giusto e salvatore / non c'è all'infuori di me… / Lo giuro su me stesso, / dalla mia bocca esce la giustizia". C'è da capire. C'è da capire anche perché agli operai della prima ora, che vantano meriti per la loro prestazione, sembra oggi rispondere la lettera agli Efesini che afferma: "Per grazia siete salvati". Per grazia! E lo ripete con forza: "Per grazia infatti siete salvati mediante la fede; e ciò non viene da voi, ma è dono di Dio; né viene dalle opere, perché nessuno possa vantarsene.

Siamo infatti opera sua, creati in Cristo Gesù per le opere buone, che Dio ha preparato perché in esse camminassimo". C'è una giustizia umana che deve fare il suo corso. E guai se non lo facesse. Ne approfitterebbero quelli che hanno mezzi e potere. Ma c'è poi un giustizia, forse più difficile da interpretare che è quella del padrone delle vigna. E a colpirmi le sue ultime parole di riposta al lamento di quelli della prima ora, perché, dopo aver rivendicato la sua libertà, pone la domanda: "Oppure tu sei invidioso perché io sono buono?".

Il testo greco è più concreto, parla di occhi: "Oppure il tuo occhio è cattivo perché io sono buono". Occhio cattivo, occhio malato? E il mio occhio? Il mio com'è? Occhi. E' come se, a proposito di vigna e di operai della vigna, fossero messi a confronto gli occhi. Gli occhi di Dio e i nostri, lo sguardo di Dio e il nostro sguardo. Gli occhi di Dio a me sembra di coglierli in quell'uscire del padrone di casa di buon mattino, all'alba. E' come se leggessimo nei suoi occhi tutta la sua passione per la vigna. Forse anche a voi è capitato in questi ultimi mesi di vedere in qualche servizio televisivo dei viticoltori e sentirli parlare della loro vigna, delle loro viti. Parole abitate da passione.

La vigna è una cosa meravigliosa, ma anche sempre in pericolo di grandine e di quant'altro. La vigna è la chiesa, allargando potremmo dire che vigna è il mondo. La storia dell'umanità. Ma non in astratto, quel pezzo di storia che è oggi. E uscire di buon mattino, uscire al risveglio, e uscire con gli occhi di Dio che guarda la vigna, la guarda così come è, con passione, e chiama a collaborazioni. Tu, io, noi siamo vigna amata, ma siamo anche collaboratori. Sì c'è una fatica, c'è il peso della giornata e del caldo. I nostri occhi vedono anche questo. Lo vede anche Dio, che vuole anche premiare peso e fatica. Non so se sbaglio, mi sembra però di capire che negli occhi degli operai della prima ora, della vigna fosse rimasto solo il peso della giornata e il caldo e non la gioia per quei tralci, per quelle terre, per quelle uve.

Tutto è prestazione, prestazione che va pagata. Non la gioia di aver collaborato a far crescere in bellezza questo pezzo di terra. Come sono diversi gli occhi di Dio! O forse il tuo occhio è cattivo? Cattivo nei confronti dell'altro. E Dio non sopporta occhi cattivi nei confronti dell'altro. E' cattivo lo sguardo se l'altro è uno con cui stare in perenne competizione, se l'altro lo misuri unicamente per le ore che ha fatto e non forse per quello di cui lui e la sua casa hanno bisogno quella sera. Dio sa ciò di cui abbiamo bisogno: sapeva che anche gli ultimi per campare avevano bisogno di un denaro.

E questo non era benedizione dei fannulloni: il lavoro ce lo avevano messo; quando erano stati chiamati nella vigna ci erano andati. E che ne sappiamo noi delle ore in cui Dio chiama? E poi non ci sono diritti per anzianità. Ritorno all'occhio cattivo. Un giorno Gesù aveva usato una immagine bellissima. Una immagine su cui ogni di tanto in tanto io ritorno: "La lampada del corpo" diceva "è l'occhio; perciò, se il tuo occhio è semplice, tutto il tuo corpo sarà luminoso; ma se il tuo occhio è cattivo, tutto il tuo corpo sarà tenebroso. Se dunque la luce che è in te è tenebra, quanto grande sarà la tenebra!" (Mt 6, 22-23).

Voi mi capite, avere la luce dentro gli occhi. E non la cattiveria. E guardare con occhi luminosi. E' come se mi avesse ricordato le parole di Gesù un'amica, che, proprio ieri, parlandomi, in un messaggio, del suo ambiente di lavoro, mi scriveva: "Questo pensiero mi fa vivere con intensità e attenzione ogni incontro, anche quello apparentemente più superficiale... Infatti, pur nella fretta del lavoro da fare, posso sempre guardare negli occhi la persona che incrocio e scorgere una Luce e scopro che l'altro, senza dirmelo, scorge pure lui una Luce nei miei occhi". Le parole di Gesù sugli occhi!

Ultimo accenno, brevissimo, lo lascio a voi: penso alla festa nella vigna. Penso alla festa nel cielo, un solo denaro. Faccio fatica a pensare che ci siano precedenze e che uno guardi un altro dal suo scranno più alto. E' una vigna in festa. Aria di festa perché non c'è nessuno fuori. Mi chiedo: avere un occhio buono non significa forse anche che non mi importa stare appena dentro la soglia… ma gli occhi che brillano, perché a fare festa ci sono tutti? .

 

 

Lettura del profeta Isaia 45, 20-24a

Così dice il Signore Dio: / "Radunatevi e venite, / avvicinatevi tutti insieme, / superstiti delle nazioni! / Non comprendono quelli che portano / un loro idolo di legno / e pregano un dio / che non può salvare. / Raccontate, presentate le prove, / consigliatevi pure insieme! / Chi ha fatto sentire ciò da molto tempo / e chi l'ha raccontato fin da allora? / Non sono forse io, il Signore? / Fuori di me non c'è altro dio; / un dio giusto e salvatore / non c'è all'infuori di me. / Volgetevi a me e sarete salvi, / voi tutti confini della terra, / perché io sono Dio, non ce n'è altri. / Lo giuro su me stesso, / dalla mia bocca esce la giustizia, / una parola che non torna indietro: / davanti a me si piegherà ogni ginocchio, / per me giurerà ogni lingua. / Si dirà: "Solo nel Signore / si trovano giustizia e potenza!".

Sal 64 (65)

® Mostraci, Signore, la tua misericordia. Per te il silenzio è lode, o Dio, in Sion, a te si sciolgono i voti. A te, che ascolti la preghiera, viene ogni mortale. ® Pesano su di noi le nostre colpe, ma tu perdoni i nostri delitti. Beato chi hai scelto perché ti stia vicino: abiterà nei tuoi atri. ® Ci sazieremo dei beni della tua casa, delle cose sacre del tuo tempio. Con i prodigi della tua giustizia, tu ci rispondi, o Dio, nostra salvezza. ®

Lettera di san Paolo apostolo agli Efesini 2, 5c-13

Fratelli, per grazia siete salvati. Con lui ci ha anche risuscitato e ci ha fatto sedere nei cieli, in Cristo Gesù, per mostrare nei secoli futuri la straordinaria ricchezza della sua grazia mediante la sua bontà verso di noi in Cristo Gesù. Per grazia infatti siete salvati mediante la fede; e ciò non viene da voi, ma è dono di Dio; né viene dalle opere, perché nessuno possa vantarsene. Siamo infatti opera sua, creati in Cristo Gesù per le opere buone, che Dio ha preparato perché in esse camminassimo. Perciò ricordatevi che un tempo voi, pagani nella carne, chiamati non circoncisi da quelli che si dicono circoncisi perché resi tali nella carne per mano d'uomo, ricordatevi che in quel tempo eravate senza Cristo, esclusi dalla cittadinanza d'Israele, estranei ai patti della promessa, senza speranza e senza Dio nel mondo. Ora invece, in Cristo Gesù, voi che un tempo eravate lontani, siete diventati vicini, grazie al sangue di Cristo.

Lettura del Vangelo secondo Matteo 20, 1-16

In quel tempo. Il Signore Gesù disse: "Il regno dei cieli è simile a un padrone di casa che uscì all'alba per prendere a giornata lavoratori per la sua vigna. Si accordò con loro per un denaro al giorno e li mandò nella sua vigna. Uscito poi verso le nove del mattino, ne vide altri che stavano in piazza, disoccupati, e disse loro: "Andate anche voi nella vigna; quello che è giusto ve lo darò". Ed essi andarono. Uscì di nuovo verso mezzogiorno, e verso le tre, e fece altrettanto. Uscito ancora verso le cinque, ne vide altri che se ne stavano lì e disse loro: "Perché ve ne state qui tutto il giorno senza far niente?". Gli risposero: "Perché nessuno ci ha presi a giornata". Ed egli disse loro: "Andate anche voi nella vigna". Quando fu sera, il padrone della vigna disse al suo fattore: "Chiama i lavoratori e da' loro la paga, incominciando dagli ultimi fino ai primi". Venuti quelli delle cinque del pomeriggio, ricevettero ciascuno un denaro. Quando arrivarono i primi, pensarono che avrebbero ricevuto di più. Ma anch'essi ricevettero ciascuno un denaro. Nel ritirarlo, però, mormoravano contro il padrone dicendo: "Questi ultimi hanno lavorato un'ora soltanto e li hai trattati come noi, che abbiamo sopportato il peso della giornata e il caldo". Ma il padrone, rispondendo a uno di loro, disse: "Amico, io non ti faccio torto. Non hai forse concordato con me per un denaro? Prendi il tuo e vattene. Ma io voglio dare anche a quest'ultimo quanto a te: non posso fare delle mie cose quello che voglio? Oppure tu sei invidioso perché io sono buono?". Così gli ultimi saranno primi e i primi, ultimi".

 

 


 
stampa il testo
salva in  formato rtf
Segnala questa pagina ad un amico
scrivi il suo indirizzo e-mail:
 
         
     

 
torna alla home