la parola della domenica

 

Anno liturgico A
omelia di don Angelo nella quinta Domenica di Pasqua
secondo il rito ambrosiano


10 maggio 2020



 

 

At 10, 1-5. 24. 34-36. 44-48a
Sal 65
Fil 2, 12-16
Gv 14, 21-24

 

Che amore non sia, né debba mai essere, una parola stinta, da declamare a toni alti dai pulpiti - e più è stinta, più enfatici i toni - ma che amore chiami concretezze è detto, senza "se" e senza "ma" nei pochi versetti che la liturgia oggi legge dal vangelo di Giovanni. Dico questo perché nelle sue parole oggi Gesù sembra creare un gancio, un gancio stretto, strettissimo, quasi da parete, tra amore e comandamento, tra ciò che arde dentro e le mani che seguono quasi per istinto. Non so se c'entra il detto: "Al cuore non si comanda". Quasi a dire l'imperiosità dell'amore, ma anche la bellezza che sia il cuore, e non altro, a comandare.

E se è il cuore a comandare non c'è scampo, né ci sono spazi con divieto d'accesso. Tra parentesi: se alla parola "amore" sostituissimo qualche volta in più la parola "il cuore e i suo comandi"? Il comandamento del cuore, dunque, la bellezza dei comandamenti dettati dal cuore. Ecco il gancio, nelle parole di Gesù: "Il Signore Gesù disse ai discepoli: "Chi accoglie i miei comandamenti e li osserva, questi è colui che mi ama… Chi non mi ama, non osserva le mie parole"" Un problema potrebbe nascere, questo: "E qual è il suo comandamento, osservando il quale potremmo dire che lo amiamo?". Ma qui non ci si perde, perché quale sia il suo comandamento lui stesso l'ha detto con fulminante chiarezza, nessuna possibilità di fraintendere: "Questo è il mi comandamento: che vi amiate gli uni gli altri come io ho amato voi".

Voi mi capite sino a qual punto Gesù ami la concretezza! Dà all'amore un esito concreto, pienamente umano. Quasi dicesse: "Mio comandamento non è tanto che vi prendiate cura di me, prendetevi cura di voi stessi". Per dire la concretezza, un mio amico monaco, uomo di spirito è solito ripetere che amare significa due cose: ascoltare e far da mangiare. E mi nasce in cuore l'immagine di una tavola: ci si ascolta e si mangia. Ma tavola dell'amarsi, casa dell'ascoltarsi e del prendersi a cuore non ha luogo solo nelle case, è, deve essere in ogni dove di terre e di umanità, lo spazio del comandamento.

Concretezza: "Se vi amate gli uni gli altri è allora che amate me". Ma nel piccolo brano del vangelo intravedo un'aggiunta che mi sta intrigando e voi capirete il perché. E' un'aggiunta che mi lascia il cuore sospeso e mi spalanca gli occhi. L'ho intravista là dove Gesù allude al "divino" che si riversa sulla terra. Ecco le parole: "Se uno mi ama, osserverà la mia parola e il Padre mio lo amerà e noi verremo a lui e prenderemo dimora presso di lui". Le dimore del "divino" sulla terra, spazi del divino sulla terra. Accadono. Accadono dove ci si ama come lui ci ha amati. E allora va' in cerca del "divino" e stupisciti, lasciati sedurre.

Vorrei solo dirvi che a me accadde in questi giorni. Mi accadde martedì pomeriggio. Ero in attesa in una grande sala del pronto soccorso del Policlinico. Seduto su una sedia aspettavo che mi chiamassero e mi chiedevo perché le pareti si facessero sempre più bianche, già lo erano di loro, ma sempre più. Era solo una mia allucinazione? Come se fosse sceso del "divino" nella grande sala. E mi ritornavano al cuore le parole: "Faremo dimora...".

Fu allora che in tutta evidenza mi apparve che l'aggiunta di luminosità nella grande sala non fosse per rialzo di luce né per opera di angeli scesi del cielo, ma per angeli dalla terra. Non era forse per via del giovane medico, che, da dietro del suo scafandro, mi guardava con occhi rassicuranti, quasi allegri, lui che, per via di un prelievo, pur di non farmi alzare, si era chinato fin quasi a terra inginocchiandosi e mi riportava a memoria un'arte esercitata ampiamente dal mio Signore, l'arte di piegarsi a terra? E anche quella di lavare piedi stanchi e impolverati: "Come io vi ho amati".

Ma la sensazione come di un divino che prendesse dimora nel grande salone mi accade ancor più viva poco dopo, quando le porte a spinta si aprirono, una barella portava un uomo un po' sfatto, abiti arruffati, grandi occhi in un viso provato, grida come di lamento e pianto. Potevi immaginartelo: era un clochard. Gli si fecero gruppo, intorno al lettino. gli angeli bianchi, angeli donne e angeli uomini. E che importa il sesso degli angeli! Piegati su di lui a rassicurarlo ogni volta che una mossa o un'altra delle cure gli procurava dolore. Che stesse quieto - gli dicevano - che a poco a poco sarebbe stato meglio. Gli chiedevano se avesse bevuto, gli assicuravano che di lì a poco avrebbe mangiato. Che si lasciasse fare.

Lui un po' ascoltava, un po' gridava, un po' si lamentava, un po' chiamava sua mamma. Alla fine l'acquietarono. La grande sala si era accesa di luce alle pareti. Ma ora sapevo il perché. Mi passò vicino uno degli angeli. Lo fermai, gli dissi: "Ma sapete che mi avete commosso, sono ancora commosso". "Ma perché?" mi chiese. "Ma per la tenerezza con cui vi prendete cura di quel clochard" dissi "tutti piegati su di lui a sollevarlo dalle sue ombre. Mi fate commozione". Mi rispose: "Ma lui è Rafael e noi lo conosciamo".

Era Rafael: per loro non era un numero. "E noi lo conosciamo": di mezzo non c'era una nuda prestazione, c'era una relazione. Succede. Quando si diventa numeri la stanza dell'umanità si fa buia e accusa assenza di "divino". Ma quando sulla terra, in un luogo o in un altro - che lo si sappia o no - si osservi il suo comandamento, allora le pareti bianche si fanno ancora più bianche. Per immersione del divino: "Prenderemo dimora…". Accadde alle ore diciassette di un pomeriggio di maggio, in una sala grande di un pronto soccorso di città.

Cancellate tutto. Tenete: "Ma lui è Rafael. Lo conosciamo".

 

Lettura degli Atti degli Apostoli - At 10, 1-5. 24. 34-36. 44-48a

In quei giorni. Vi era a Cesarèa un uomo di nome Cornelio, centurione della coorte detta Italica. Era religioso e timorato di Dio con tutta la sua famiglia; faceva molte elemosine al popolo e pregava sempre Dio. Un giorno, verso le tre del pomeriggio, vide chiaramente in visione un angelo di Dio venirgli incontro e chiamarlo: "Cornelio!". Egli lo guardò e preso da timore disse: "Che c'è, Signore?". Gli rispose: "Le tue preghiere e le tue elemosine sono salite dinanzi a Dio ed egli si è ricordato di te. Ora manda degli uomini a Giaffa e fa' venire un certo Simone, detto Pietro". Il giorno dopo Pietro con alcuni fratelli arrivò a Cesarèa. Cornelio stava ad aspettarli con i parenti e gli amici intimi che aveva invitato. Pietro prese la parola e disse: "In verità sto rendendomi conto che Dio non fa preferenza di persone, ma accoglie chi lo teme e pratica la giustizia, a qualunque nazione appartenga. Questa è la Parola che egli ha inviato ai figli d'Israele, annunciando la pace per mezzo di Gesù Cristo: questi è il Signore di tutti". Pietro stava ancora dicendo queste cose, quando lo Spirito Santo discese sopra tutti coloro che ascoltavano la Parola. E i fedeli circoncisi, che erano venuti con Pietro, si stupirono che anche sui pagani si fosse effuso il dono dello Spirito Santo; li sentivano infatti parlare in altre lingue e glorificare Dio. Allora Pietro disse: "Chi può impedire che siano battezzati nell'acqua questi che hanno ricevuto, come noi, lo Spirito Santo?". E ordinò che fossero battezzati nel nome di Gesù Cristo.

Sal 65 (66)

Grandi sono le opere del Signore. Acclamate Dio, voi tutti della terra, cantate la gloria del suo nome, dategli gloria con la lode. Dite a Dio: "Terribili sono le tue opere! R A te si prostri tutta la terra, a te canti inni, canti al tuo nome". Venite e vedete le opere di Dio, terribile nel suo agire sugli uomini. R Venite, ascoltate, voi tutti che temete Dio, e narrerò quanto per me ha fatto. Sia benedetto Dio, che non ha respinto la mia preghiera, non mi ha negato la sua misericordia. R

Lettera di san Paolo apostolo ai Filippesi - Fil 2, 12-16

Miei cari, voi che siete stati sempre obbedienti, non solo quando ero presente ma molto più ora che sono lontano, dedicatevi alla vostra salvezza con rispetto e timore. È Dio infatti che suscita in voi il volere e l'operare secondo il suo disegno d'amore. Fate tutto senza mormorare e senza esitare, per essere irreprensibili e puri, figli di Dio innocenti in mezzo a una generazione malvagia e perversa. In mezzo a loro voi risplendete come astri nel mondo, tenendo salda la parola di vita. Così nel giorno di Cristo io potrò vantarmi di non aver corso invano, né invano aver faticato.

Lettura del Vangelo secondo Giovanni - Gv 14, 21-24

In quel tempo. Il Signore Gesù disse ai discepoli: "Chi accoglie i miei comandamenti e li osserva, questi è colui che mi ama. Chi ama me sarà amato dal Padre mio e anch'io lo amerò e mi manifesterò a lui". Gli disse Giuda, non l'Iscariota: "Signore, come è accaduto che devi manifestarti a noi, e non al mondo?". Gli rispose Gesù: "Se uno mi ama, osserverà la mia parola e il Padre mio lo amerà e noi verremo a lui e prenderemo dimora presso di lui. Chi non mi ama, non osserva le mie parole; e la parola che voi ascoltate non è mia, ma del Padre che mi ha mandato".

 

 


 
stampa il testo
salva in  formato rtf
Segnala questa pagina ad un amico
scrivi il suo indirizzo e-mail:
 
         
     

 
torna alla home