la parola della domenica

 

Anno liturgico C
omelia di don Angelo nella quarta Domenica di Quaresima
secondo il rito ambrosiano


31 marzo 2019



 

 

Es 17,1-1
Sal 35
1Ts 5,1-11
Gv 9,1-38b

 

Pensieri in uscita, uscita libera, per accensioni, senza concatenazioni - concatenazione è parola che sa di catene - pensieri in uscita, così i miei oggi. Così forse un po' sempre. E non sapere dove sostare: dentro o fuori? E subito a dirmi "fuori", sì un desiderio di stare fuori. Perché la bellezza, in questo racconto del cieco nato, è fuori, all'aperto. Fuori mi incanto, dentro mi rattristo. Il nostro brano di vangelo segue senza cesure quello della scorsa domenica e segna il dentro e il fuori. Risentiamo i versetti che fanno quasi da cerniera: "Allora raccolsero pietre per gettarle contro di lui, ma Gesù si nascose e uscì dal tempio. Passando vide un uomo cieco dalla nascita".

E' fuori, è per le strade, all'aria libera e aperta. Fuori da un asfissiante dibattito teologico. Dobbiamo però anche ammettere che nemmeno i discepoli erano totalmente fuori: non si erano ancora scrollata di dosso quella malattia di fare disquisizioni, dichiarazioni. Ce la portiamo addosso, quasi fosse incollata alla nostra pelle. E infatti che cosa avviene? Davanti a un cieco si mettono a dibattere se è per colpa sua o dei suoi genitori che sia nato cieco. E guardate dove arrivano i nostri sofismi religiosi: ma come potrebbe essere per colpa sua, se uno è nato così? Gesù taglia corto: "Né lui né i suoi genitori...". Come dicesse: ma basta! Ma non vi riesce proprio altro che discettare di peccato? Ma dove vi portano questi discorsi? Ma che cosa è per voi questo cieco? E' un caso teologico o è una persona?

Guardate che questa è una malattia mortale, mortale e mortifera, ancora in piena esplosione, oggi. Noi parliamo, asetticamente, e spesso sprezzantemente, di categorie, come se non avessimo davanti un uomo, una donna, quell'uomo, quella donna, senza il pur minimo sospetto che su quel viso è incisa una storia. Come incisa era una storia negli occhi di quel cieco nato. Ma ci pensi che cosa è stata la sua via? E lui adesso per di più si deve anche sorbire parole, parole, discorsi. "Basta parole!" - sembra dire Gesù - "Facciamo, operiamo. Finché è giorno operiamo. Finché c'è luce, finché sono in vita". Il suo anelito più profondo è - lo abbiamo sentito - fare le opere che fa il padre suo. Fare gesti che manifestino la passione e il modo di operare di Dio, lo splendore della sua gloria. Che non ha niente a che vedere con quel vuoto di cuore che ha trovato nel tempio e, in misura, se pure minore, nei discepoli.

Quasi dicesse: "Bando ad arroganze e meschinità, mettiamoci all'opera. E siano, le mie, le opere del Padre. Che in principio creò la luce e la annidò negli occhi del primo uomo e della prima donna. E così il racconto si apre alla bellezza, due squarci di bellezza all'inizio e alla fine, quando in scena sono Gesù e il cieco. Nella parte centrale del racconto ci sta purtroppo lo squallore e la cecità dell'inquisizione. Che non riesce comunque a sporcare la bellezza dell'incontro tra Gesù e il cieco. E guardiamo Gesù. Vi inviterei a guardare i suoi gesti al rallentatore: lo vediamo chinarsi, sputare per terra, fare con la saliva del fango e spalmarlo sugli occhi del cieco. Sentì le dita, il cieco, sentì, forse per la prima volta, la diversità. L'enorme diversità tra le parole e le dita, tra le dichiarazioni e i gesti: un rabbi diverso, uno che si china, uno che ti accarezza gli occhi. A uno che si china per te, a uno che ti accarezza gli occhi, puoi anche credere, puoi anche aderire all'invito: "Va' a lavarti alla piscina di Siloe".

Che cosa alla fin fine ci muove? Le parole, vuote di colore, di calore? O le mani sulla pelle, le dita che accarezzano la pelle? Forse dovremmo chiedercelo più spesso. La spalmatura tenera del fango sugli occhi diventa nel racconto quasi un rito, il rito della luce, un sacramento che parte da mani che accarezzano. Tornato dalla piscina di Siloe il cieco sarà sotto assedio. Ma gli si è annidata come una luce dentro, e non solo negli occhi, e quella luce lo fa indipendente, libero, resistente ai sofismi, non imbrigliabile: splende, sconcertando, la sua libertà. Resiste con la fierezza degli umili agli uomini che pontificano dall'alto. Anche questo un frutto della fede. Se diventiamo gregari, vuol dire che non abbiamo luce negli occhi.

Anche oggi, come sempre, è in atto il tentativo di rubarci la luce, la luce della coscienza, dell'intelligenza, dell'evidenza, per farci succubi, arresi, gregari. Abbiamo bisogno di luce negli occhi per resistere alla grande macchinazione dell'inganno, della menzogna, della manipolazione. E c'è luce alla fine del racconto, squarcio di luce purissima. Pensate la tenerezza di Gesù che viene a sapere che il "già cieco" l'avevano buttato fuori dalla sinagoga e va a cercarlo. Tenero. Chissà - mi sono chiesto - se lungo i secoli Gesù sarà andato a cercare tutti quelli che dalle varie inquisizioni sono stati spietatamente espulsi. Dentro il cuore mi sono detto che sì, sarà andato a cercarli, per rincuorarli, per sostenerli. Lo va a cercare. Bellissimo, pensate, lui, il "già cieco", non l'aveva ancora visto in faccia.

Di lui aveva sentito solo parole, che mettevano in moto fiducia, di lui aveva conosciuto il palmo delle sue mani, il modo con cui gli aveva spalmato il fango sugli occhi. Nella sinagoga aveva poi visto volti inquietanti, volti pallidi. Ma lui, il rabbi del fango, che volto aveva? Lo incrocia. Non è più un senza volto: immaginiamo i suoi occhi che si perdono nel volto di Gesù. Ma c'è un volto piu segreto di quel rabbi e Gesù glielo affaccia, quasi in desiderio che il cieco lo veda anche dentro: "Tu credi nel figlio dell'uomo?". "E chi è Signore, perché io creda in lui?". "Lo hai visto, è colui che parla con te". Non so se ricordate, è la stessa riposta di Gesù alla samaritana che allude al futuro Messia: "E colui che parla con te".

Sono cessate tutte le mediazioni, tra noi e Dio. Che bello! Un Dio che parla con te, non importa se a un pozzo o lungo la strada. Un Dio che parla con te. "Si parlano" si diceva una volta di due che si erano innamorati. Parlarsi, guardandosi negli occhi, finalmente aperti, nello spazio di una strada fa la differenza con il parlarsi, con occhi accecati, nello spazio chiuso del tempio. Fede è credere in un Dio che ti apre gli occhi e parla con te. Non so se è una sottigliezza: oggi c'è tanto "parlare di", mi sembra meno "parlare con". Meno parlarsi, meno raccontarsi.

Parlare "con" te, guardandoti negli occhi, è la differenza che fa Gesù, la bellezza che fa Gesù. In cui crediamo.

 

Lettura del libro dell'Esodo 17, 1-11

In quei giorni. Tutta la comunità degli Israeliti levò le tende dal deserto di Sin, camminando di tappa in tappa, secondo l'ordine del Signore, e si accampò a Refidìm. Ma non c'era acqua da bere per il popolo. Il popolo protestò contro Mosè: "Dateci acqua da bere!". Mosè disse loro: "Perché protestate con me? Perché mettete alla prova il Signore?". In quel luogo il popolo soffriva la sete per mancanza di acqua; il popolo mormorò contro Mosè e disse: "Perché ci hai fatto salire dall'Egitto per far morire di sete noi, i nostri figli e il nostro bestiame?". Allora Mosè gridò al Signore, dicendo: "Che cosa farò io per questo popolo? Ancora un poco e mi lapideranno!". Il Signore disse a Mosè: "Passa davanti al popolo e prendi con te alcuni anziani d'Israele. Prendi in mano il bastone con cui hai percosso il Nilo, e va'! Ecco, io starò davanti a te là sulla roccia, sull'Oreb; tu batterai sulla roccia: ne uscirà acqua e il popolo berrà". Mosè fece così, sotto gli occhi degli anziani d'Israele. E chiamò quel luogo Massa e Merìba, a causa della protesta degli Israeliti e perché misero alla prova il Signore, dicendo: "Il Signore è in mezzo a noi sì o no?". Amalèk venne a combattere contro Israele a Refidìm. Mosè disse a Giosuè: "Scegli per noi alcuni uomini ed esci in battaglia contro Amalèk. Domani io starò ritto sulla cima del colle, con in mano il bastone di Dio". Giosuè eseguì quanto gli aveva ordinato Mosè per combattere contro Amalèk, mentre Mosè, Aronne e Cur salirono sulla cima del colle. Quando Mosè alzava le mani, Israele prevaleva; ma quando le lasciava cadere, prevaleva Amalèk.

Sal 35 (36)

® Signore, nella tua luce vediamo la luce. Signore, il tuo amore è nel cielo, la tua fedeltà fino alle nubi, la tua giustizia è come le più alte montagne, il tuo giudizio come l'abisso profondo: uomini e bestie tu salvi, Signore. ® Quanto è prezioso il tuo amore, o Dio! Si rifugiano gli uomini all'ombra delle tue ali, si saziano dell'abbondanza della tua casa: tu li disseti al torrente delle tue delizie. ® È in te la sorgente della vita, alla tua luce vediamo la luce. Riversa il tuo amore su chi ti riconosce, la tua giustizia sui retti di cuore. ®

Prima lettera di san Paolo apostolo ai Tessalonicesi 5, 1-11

Riguardo ai tempi e ai momenti, fratelli, non avete bisogno che ve ne scriva; infatti sapete bene che il giorno del Signore verrà come un ladro di notte. E quando la gente dirà: "C'è pace e sicurezza!", allora d'improvviso la rovina li colpirà, come le doglie una donna incinta; e non potranno sfuggire. Ma voi, fratelli, non siete nelle tenebre, cosicché quel giorno possa sorprendervi come un ladro. Infatti siete tutti figli della luce e figli del giorno; noi non apparteniamo alla notte, né alle tenebre. Non dormiamo dunque come gli altri, ma vigiliamo e siamo sobri. Quelli che dormono, infatti, dormono di notte; e quelli che si ubriacano, di notte si ubriacano. Noi invece, che apparteniamo al giorno, siamo sobri, vestiti con la corazza della fede e della carità, e avendo come elmo la speranza della salvezza. Dio infatti non ci ha destinati alla sua ira, ma ad ottenere la salvezza per mezzo del Signore nostro Gesù Cristo. Egli è morto per noi perché, sia che vegliamo sia che dormiamo, viviamo insieme con lui. Perciò confortatevi a vicenda e siate di aiuto gli uni agli altri, come già fate.

Lettura del Vangelo secondo Giovanni 9, 1-38b

In quel tempo. Passando, il Signore Gesù vide un uomo cieco dalla nascita e i suoi discepoli lo interrogarono: "Rabbì, chi ha peccato, lui o i suoi genitori, perché sia nato cieco?". Rispose Gesù: "Né lui ha peccato né i suoi genitori, ma è perché in lui siano manifestate le opere di Dio. Bisogna che noi compiamo le opere di colui che mi ha mandato finché è giorno; poi viene la notte, quando nessuno può agire. Finché io sono nel mondo, sono la luce del mondo". Detto questo, sputò per terra, fece del fango con la saliva, spalmò il fango sugli occhi del cieco e gli disse: "Va' a lavarti nella piscina di Sìloe" - che significa Inviato. Quegli andò, si lavò e tornò che ci vedeva. Allora i vicini e quelli che lo avevano visto prima, perché era un mendicante, dicevano: "Non è lui quello che stava seduto a chiedere l'elemosina?". Alcuni dicevano: "È lui"; altri dicevano: "No, ma è uno che gli assomiglia". Ed egli diceva: "Sono io!". Allora gli domandarono: "In che modo ti sono stati aperti gli occhi?". Egli rispose: "L'uomo che si chiama Gesù ha fatto del fango, mi ha spalmato gli occhi e mi ha detto: "Va' a Sìloe e làvati!". Io sono andato, mi sono lavato e ho acquistato la vista". Gli dissero: "Dov'è costui?". Rispose: "Non lo so". Condussero dai farisei quello che era stato cieco: era un sabato, il giorno in cui Gesù aveva fatto del fango e gli aveva aperto gli occhi. Anche i farisei dunque gli chiesero di nuovo come aveva acquistato la vista. Ed egli disse loro: "Mi ha messo del fango sugli occhi, mi sono lavato e ci vedo". Allora alcuni dei farisei dicevano: "Quest'uomo non viene da Dio, perché non osserva il sabato". Altri invece dicevano: "Come può un peccatore compiere segni di questo genere?". E c'era dissenso tra loro. Allora dissero di nuovo al cieco: "Tu, che cosa dici di lui, dal momento che ti ha aperto gli occhi?". Egli rispose: "È un profeta!". Ma i Giudei non credettero di lui che fosse stato cieco e che avesse acquistato la vista, finché non chiamarono i genitori di colui che aveva ricuperato la vista. E li interrogarono: "È questo il vostro figlio, che voi dite essere nato cieco? Come mai ora ci vede?". I genitori di lui risposero: "Sappiamo che questo è nostro figlio e che è nato cieco; ma come ora ci veda non lo sappiamo, e chi gli abbia aperto gli occhi, noi non lo sappiamo. Chiedetelo a lui: ha l'età, parlerà lui di sé". Questo dissero i suoi genitori, perché avevano paura dei Giudei; infatti i Giudei avevano già stabilito che, se uno lo avesse riconosciuto come il Cristo, venisse espulso dalla sinagoga. Per questo i suoi genitori dissero: "Ha l'età: chiedetelo a lui!". Allora chiamarono di nuovo l'uomo che era stato cieco e gli dissero: "Da' gloria a Dio! Noi sappiamo che quest'uomo è un peccatore". Quello rispose: "Se sia un peccatore, non lo so. Una cosa io so: ero cieco e ora ci vedo". Allora gli dissero: "Che cosa ti ha fatto? Come ti ha aperto gli occhi?". Rispose loro: "Ve l'ho già detto e non avete ascoltato; perché volete udirlo di nuovo? Volete forse diventare anche voi suoi discepoli?". Lo insultarono e dissero: "Suo discepolo sei tu! Noi siamo discepoli di Mosè! Noi sappiamo che a Mosè ha parlato Dio; ma costui non sappiamo di dove sia". Rispose loro quell'uomo: "Proprio questo stupisce: che voi non sapete di dove sia, eppure mi ha aperto gli occhi. Sappiamo che Dio non ascolta i peccatori, ma che, se uno onora Dio e fa la sua volontà, egli lo ascolta. Da che mondo è mondo, non si è mai sentito dire che uno abbia aperto gli occhi a un cieco nato. Se costui non venisse da Dio, non avrebbe potuto far nulla". Gli replicarono: "Sei nato tutto nei peccati e insegni a noi?". E lo cacciarono fuori. Gesù seppe che l'avevano cacciato fuori; quando lo trovò, gli disse: "Tu, credi nel Figlio dell'uomo?". Egli rispose: "E chi è, Signore, perché io creda in lui?". Gli disse Gesù: "Lo hai visto: è colui che parla con te". Ed egli disse: "Credo, Signore!".

 

 


 
stampa il testo
salva in  formato rtf
Segnala questa pagina ad un amico
scrivi il suo indirizzo e-mail:
 
         
     

 
torna alla home