la parola della domenica

 

Anno liturgico A
omelia di don Angelo nella terza Domenica di Pasqua
secondo il rito ambrosiano


26 aprile 2020



 

 

At 19,1b-7
Sal 106
Eb 9,11-15
Gv 1,29-34

Torniamo sulla strada. Dalla casa dei discepoli, forse la stanza al piano superiore, a Gerusalemme, della scorsa settimana, stanza dell'addio, ritorniamo su una strada, a Betania, oltre il Giordano. Ritorniamo all'inizio. Alla fine e all'inizio la medesima confessione. Alla fine del libro, Giovanni dice che è stato scritto perché crediamo che Gesù è il Figlio di Dio; all'inizio Il Battista, vedendo lo Spirito scendere su Gesù immerso nelle acque e rimanere, dà la testimonianza: "questi è il Figlio di Dio"…

La strada di Betania all'inizio, la casa di Gerusalemme alla fine dove appare il Risorto. Ma poi da quella casa si uscì e si andò per strade. Voi, che mi conoscete, sapete che questa è un po' una mia fissazione. Bisogna ritornare a raccontare di Gesù per le strade, le strade che non sono proprietà di nessuno, se mai di tutti. Che ritornino le strade, simbolo dei luoghi quotidiani. Ritornino ad essere il luogo dell'"ecco": "Ecco l'agnello di Dio, ecco Gesù!". Ritorni a passare per le strade questo "ecco", che è una particella che fa richiamo: "Ecco l'agnello di Dio, colui che toglie il peccato del mondo". Giovanni lo indicò il primo giorno a discepoli in gruppo, poi, il giorno successivo ad Andrea e a un altro discepolo, un senza nome. Lo seguirono. Gesù sentì rumore di passi. Gli chiesero dove abitasse. Li invitò a casa, rimasero con lui sino alle quattro del pomeriggio. Poi se ne andarono, ma fu contagio.

Non c'è solo contagio da virus, ci può essere contagio di cose belle. E Andrea raccontò a Simone, e Filippo raccontò a Natanele. E, pensate, non avevano miracoli da raccontare, ma di quell'uomo, del suo viso, delle sue parole, dei suoi gesti.. Fu un contagio. Di vangelo, di buona notizia. E la parola "contagio" - buono! - mi riporta alla mente una pagina intrigante di un librino prezioso scritto dal cardinal Martini per questa città: "Alzati e va' a Ninive, la grande città". Ove il cardinale si chiede che cosa significhi portare oggi il vangelo e come portarlo. Il suo pensiero - a mio avviso profetico - passa in rassegna le varie modalità in cui oggi si può evangelizzare, certo anche con proclamazioni e convocazioni. Ma questo - dice - non è l'unico modo, e non necessariamente il più efficace oggi nella grande città secolare.

E parla - declinandola come oggi urgente - di una evangelizzazione per "contagio": "Evangelizzare per contagio - scrive - come una lampada si accende da un'altra lampada, come un sorriso genera un altro sorriso. Può essere da persona a persona, da gruppo a gruppo, da gruppo a persone singole che sono contagiate dalla fede gioiosa di una comunità (…) Non c'è da aspettare per lo più successi clamorosi o conversioni in massa. Ma sono molti oggi a Milano coloro che ogni giorno silenziosamente passano l'arduo confine tra l'oscurità e la luce, tra la penombra e il calore del sole, come tanti sono quelli che nello stesso tempo passano silenziosamente la frontiera tra la verità e il buio, tra la certezza e l'incertezza, il dubbio, la sfiducia.

La presenza di molte e volonterose guide, preti e laici, attenti alle frontiere della fede, scoprirà questi sconfinamenti frequenti, aiuterà i dubbiosi, consiglierà gli smarriti, conforterà gli sfiduciati. Sui confini tra fede e incredulità" - scrive "si può attuare uno straordinario apostolato del dialogo, del conforto, dell'esempio". Perdonate se ho preso troppo tempo, ma la pagina di Giovanni mi affascinava troppo per questo passa parola, questo contagio degli inizi. Che può accadere oggi. Pensate anche solo a quanto stia diventando contagioso il passa parola sulla Messa che papa Francesco celebra alle sette del mattino a Santa Marta: E credenti e non credenti ad ascoltare da lui il vangelo! Che meraviglia! Ma dopo l'"ecco", che chiama attenzione, Giovanni aggiunge un'immagine: "Ecco l'agnello di Dio, colui che toglie il peccato del mondo".

Mi fermo sull'immagine. Che, come voi intuite, agli occhi di chi ascoltava Gesù, evocava eventi indimenticabili, evocava l'agnello della liberazione dall'Egitto, le case degli ebrei, tinte del suo sangue, risparmiate. Voi mi perdonerete se non entro nelle domande sul perché non furono risparmiati i bambini degli egiziani. Non ho una risposta. Quella fu notte di liberazione, dopo che nelle case ci si nutrì della carne dell'agnello. Ebbene a Gesù - e quanto è suggestivo! - viene sposata l'immagine dell'agnello della liberazione. Gli ebrei, grazie a quella notte, riconquistarono la libertà. Fuori da sudditanze, oppressioni, paure, sfruttamenti. Gesù, agnello della liberazione, con il suo sangue ha pagato il prezzo della nostra libertà: questo fu il prezzo.

Non dovevi più camminare.
Era necessità ai potenti fermarti:
passavi facendo il bene,
schiodavi i paralitici
alzavi la testa ai poveri
facevi camminare i sogni.
Era necessità fermarti,
eri pericolo.
Colpi di chiodi-
che pesano sul mondo
sfondando il mio cuore.
Fermo per sempre,
legato a una croce,
imprigionato l'imprigionabile.
Fisso da lontano
la trafittura dei chiodi
adoro il segno
della mia libertà.

Gli dobbiamo amore commosso, ingualcibile gratitudine. Non è forse vero che proprio in questi giorni abbiamo fatto commossa memoria del prezzo pagato da coloro che furono perseguitati, torturati, uccisi per la nostra libertà? Perché tornassimo a vivere da donne e uomini liberi, perché potessimo ancora cantare il vento della libertà. C'è un episodio del vangelo che affiora alla memoria ogni volta che indugio su questi pensieri. Era la sua ultima notte, andarono a prenderlo con lanterne, torce e armi nelle ombre del giardino degli ulivi. Domandò loro: "Chi cercate?". Risposero: "Gesù, il Nazareno". Gesù replicò: "Vi ho detto che sono io. Se dunque cercate me, lasciate che questi se ne vadano". Voi mi capite: "Prendete me, ma lasciate liberi loro".

La nostra libertà e il suo prezzo. La scorsa domenica dicevamo che le ferite del corpo con cui appare il Risorto,sono feritoie: dicono la follia del suo amore per noi. Vorrei oggi aggiungere che dicono anche il prezzo della nostra libertà. Quanto sia preziosa per Dio la nostra libertà, Vorrei dire quanto sia da custodire e da difendere. Oggi da difendere e da custodire.

"Mi hanno messo in catene" scriveva un condannato a morte della Resistenza "ma il mio cuore è libero di sperare, di credere: se domani muoio, slegatemi i piedi".

 

Lettura degli Atti degli Apostoli - At 19, 1b-7

In quei giorni Paolo, attraversate le regioni dell'altopiano, scese a Èfeso. Qui trovò alcuni discepoli e disse loro: "Avete ricevuto lo Spirito Santo quando siete venuti alla fede?". Gli risposero: "Non abbiamo nemmeno sentito dire che esista uno Spirito Santo". Ed egli disse: "Quale battesimo avete ricevuto?". "Il battesimo di Giovanni", risposero. Disse allora Paolo: "Giovanni battezzò con un battesimo di conversione, dicendo al popolo di credere in colui che sarebbe venuto dopo di lui, cioè in Gesù". Udito questo, si fecero battezzare nel nome del Signore Gesù e, non appena Paolo ebbe imposto loro le mani, discese su di loro lo Spirito Santo e si misero a parlare in lingue e a profetare. Erano in tutto circa dodici uomini.

Sal 106 (107)

Noi siamo suo popolo e gregge del suo pascolo. Rendete grazie al Signore perché è buono, perché il suo amore è per sempre. Lo dicano quelli che il Signore ha riscattato, che ha riscattato dalla mano dell'oppressore e ha radunato da terre diverse. R Ringrazino il Signore per il suo amore, per le sue meraviglie a favore degli uomini, perché ha saziato un animo assetato, un animo affamato ha ricolmato di bene. R Vedano i giusti e ne gioiscano, e ogni malvagio chiuda la bocca. Chi è saggio osservi queste cose e comprenderà l'amore del Signore. R

Lettera agli Ebrei - Eb 9, 11-15

Fratelli, Cristo è venuto come sommo sacerdote dei beni futuri, attraverso una tenda più grande e più perfetta, non costruita da mano d'uomo, cioè non appartenente a questa creazione. Egli entrò una volta per sempre nel santuario, non mediante il sangue di capri e di vitelli, ma in virtù del proprio sangue, ottenendo così una redenzione eterna. Infatti, se il sangue dei capri e dei vitelli e la cenere di una giovenca, sparsa su quelli che sono contaminati, li santificano purificandoli nella carne, quanto più il sangue di Cristo - il quale, mosso dallo Spirito eterno, offrì se stesso senza macchia a Dio - purificherà la nostra coscienza dalle opere di morte, perché serviamo al Dio vivente? Per questo egli è mediatore di un'alleanza nuova, perché, essendo intervenuta la sua morte in riscatto delle trasgressioni commesse sotto la prima alleanza, coloro che sono stati chiamati ricevano l'eredità eterna che era stata promessa.

Lettura del vangelo secondo Giovanni - Gv 1, 29-34

In quel tempo. Giovanni, vedendo il Signore Gesù venire verso di lui, disse: "Ecco l'agnello di Dio, colui che toglie il peccato del mondo! Egli è colui del quale ho detto: "Dopo di me viene un uomo che è avanti a me, perché era prima di me". Io non lo conoscevo, ma sono venuto a battezzare nell'acqua, perché egli fosse manifestato a Israele". Giovanni testimoniò dicendo: "Ho contemplato lo Spirito discendere come una colomba dal cielo e rimanere su di lui. Io non lo conoscevo, ma proprio colui che mi ha inviato a battezzare nell'acqua mi disse: "Colui sul quale vedrai discendere e rimanere lo Spirito, è lui che battezza nello Spirito Santo". E io ho visto e ho testimoniato che questi è il Figlio di Dio".

 

 


 
stampa il testo
salva in  formato rtf
Segnala questa pagina ad un amico
scrivi il suo indirizzo e-mail:
 
         
     

 
torna alla home