la parola della domenica

 

Anno liturgico C
omelia di don Angelo nella terza Domenica dopo Pentecoste
secondo il rito ambrosiano


30 giugno 2019



 

 

Gen 3,1-20
Sal 129
Rm 5,18-21
Mt 1,20b-24b

 

 

Nelle letture che oggi abbiano ascoltato, si racconta di serpenti e di angeli: il serpente che parla con Eva, l'angelo che parla con Giuseppe. Vado per suggestioni. Comincerò con il serpente: il racconto - voi lo sapete - non ha la pretesa di essere un documento storico, è un racconto sapienziale, parla della vita, della vita che accade in ogni tempo, di ciò che accade alle donne e agli uomini di ogni tempo, anche del nostro tempo. E lo scrittore biblico attinge a miti antichi. Appare improvvisamente nel racconto la figura del serpente che vantava una pluralità di simbologie nelle culture coeve allo scrittore biblico. E forse una prima cosa che colpisce è proprio questa improvvisa apparizione. Il racconto della creazione si era concluso con la bellezza, la bellezza della nudità originaria, versetto precedente al nostro racconto: "Ora tutte e due erano nudi, l'uomo e sua moglie, e non provavano vergogna". La vergogna della nudità non è all'inizio, è il dopo serpente. Ma da dove viene il male nel serpente? Badate, questa è l'eterna, ricorrente, oserei dire, insolubile domanda: "Ma da dove il male?". Il fatto che il racconto non dia spiegazioni sull'origine del male nel serpente non sta forse a dirci - me lo chiedo - che noi non avremo mai una risposta esaustiva alla domanda: "Da dove il male?". E che forse è meglio darci da fare perché indietreggi. In noi e nel mondo. Altra piccola suggestione: sulla bocca del serpente appare il nome di Dio: "È vero" dice "che Dio ha detto: "Non dovete mangiare di alcun albero del giardino"?" Pensate - lo faceva notare Paolo De Benedetti - il primo nella Bibbia a parlare di Dio è satana. E dà l'immagine di un Dio concorrente, geloso della felicità degli umani. Non abbiamo mai pensato come le nostre parole su Dio possono essere a servizio dell'essere umano e delle creature oppure, come nel nostro caso, annuncio di un Dio da temere? Non basta dunque dire: "Parlate di Dio!". Anche Satana parla di Dio… brutta immagine! E poi non basta parlarne. Proprio in questi giorni Papa Francesco in un convegno sulla teologia a Napoli ha detto: "Mi colpisce tanto quel consiglio di Francesco ai frati: "Predicate il Vangelo; se fosse necessario anche con le parole". È la testimonianza che conta!". Altro piccolo frammento del racconto, anche questo segnalato da Paolo De Benedetti: "il serpente isola Eva da Adamo. Le parla quando lui non c'è. Eva probabilmente era già sola quando riceve la visita del serpente E Adamo dov'è? La solitudine nella coppia è una chiave di lettura interessante della caduta. E il libro della Genesi ci indica la relazione di una coppia e la sessualità come occasione di incontro, di fecondità per il rapporto affettivo, ma anche tutti gli aspetti negativi di tali rapporti. I due, come sappiamo, si incolperanno". Ulteriore frammento: dove sta la seduzione del serpente, in quali parole? Eccole: "Se ne mangiaste, sareste come Dio, conoscendo il bene e il male". Sareste come Dio e si diventa nudi, nudi in umanità. Il racconto fa capire che la disarmonia sulla terra, ad ogni livello, ha come origine il delirio di onnipotenza: "Sarete come Dio". Questo il vero peccato che ancora oggi fa la rovina dell'umanità, dei rapporti personali, della bellezza della creazione. Il delirio di onnipotenza. Questo è il peccato originale, che sta all'origine di ogni male: il delirio di onnipotenza. Nella sfera privata e nella sfera pubblica. E alla fine, ma solo lo sfioro, Dio si ricrede, non fa morire l'uomo e la sua donna: Dio guarda in avanti e riprende. Così l'adam alla fine del racconto ha come un sussulto. La ultime parole erano state: "Tu sei polvere e in polvere tornerai". Ed ecco, quasi risposta senza alcuna cesura: "L'uomo chiamò sua moglie Eva, perché ella fu la madre di tutti i viventi". E' come se da un clima di diffidenza si uscisse verso un rapporto che dice fiducia. Estrema. La fiducia costruisce, la sfiducia, la diffidenza, demolisce. In questa luce correi sfiorare il brano di Matteo che racconta di Giuseppe e dell'angelo che lo raggiunge in sogno: nei sogni, sì, ci possono essere angeli, messaggi, scintille di luce. Ebbene il nostro brano a causa del taglio del testo, a mio avviso, potrebbe contribuire ad avallare una immagine di Giuseppe come un uomo sottomesso, passivo, quasi senza sentimenti, pallido, esangue come spesso ce l'hanno presentato: l'angelo parla e lui fa. No! Non accadde così neppure con la sua fidanzata: l'angelo le aveva parlato e Maria aveva chiesto spiegazioni. Il nostro testo, così sforbiciato, nasconde il subbuglio del cuore di Giuseppe di fronte a una maternità, imbarazzante. C'era tra loro una promessa, erano teneri l'uno verso l'altro. Tra parentesi, e chi ha detto che non avranno continuato a volersi un bene del mondo e a darsi tenerezza per tutti i loro giorni? La tenerezza di Giuseppe appare luminosa anche nel versetto che precede il nostro brano dove si scrive: "Giuseppe suo sposo, poiché era uomo giusto e non voleva accusarla pubblicamente, pensò di ripudiarla in segreto. Mentre però stava considerando queste cose, ecco, gli apparve in sogno un angelo del Signore". Pensate, molto prima dell'apparizione dell'angelo, lui aveva passato ore e ore a escogitare una soluzione. Ma che fosse tale - così lui voleva - da non esporre Maria ad occhi spudorati, a giudizi infamanti. Lui voleva proteggerla, voleva che tutto avvenisse "in segreto". Il segreto come condizione perché non fosse ferito o violato quel volto che lui tanto amava, che gli era troppo caro. Perdonate se mi esprimo così: poi Giuseppe obbedirà alla parola dell'angelo, ma prima dell'angelo, e senza l'invito dell'angelo, Giuseppe aveva nel suo cuore, con la sua sensibilità, fatto già molti passi. Ci racconta l'inviolabilità di un volto, di Maria. Lo sguardo di Giuseppe mi ha richiamato lo sguardo dell'adam sulla sua donna nell'ora che la chiamò Eva, la madre dei viventi. Non il delirio dell'onnipotenza, l'inviolabilità dei volti. Messaggi sapienti, anche per il nostro tempo. Ora sappiamo che cosa distrugge una terra e che cosa invece la salva, la ricrea, la fa rifiorire. L'arroganza, il delirio di onnipotenza, il gelo negli occhi o l'inviolabilità dei volti?

 

 

Lettura del libro della Genesi 3, 1-20

In quei giorni. Il serpente era il più astuto di tutti gli animali selvatici che Dio aveva fatto e disse alla donna: "È vero che Dio ha detto: "Non dovete mangiare di alcun albero del giardino"?". Rispose la donna al serpente: "Dei frutti degli alberi del giardino noi possiamo mangiare, ma del frutto dell'albero che sta in mezzo al giardino Dio ha detto: "Non dovete mangiarne e non lo dovete toccare, altrimenti morirete"". Ma il serpente disse alla donna: "Non morirete affatto! Anzi, Dio sa che il giorno in cui voi ne mangiaste si aprirebbero i vostri occhi e sareste come Dio, conoscendo il bene e il male". Allora la donna vide che l'albero era buono da mangiare, gradevole agli occhi e desiderabile per acquistare saggezza; prese del suo frutto e ne mangiò, poi ne diede anche al marito, che era con lei, e anch'egli ne mangiò. Allora si aprirono gli occhi di tutti e due e conobbero di essere nudi; intrecciarono foglie di fico e se ne fecero cinture. Poi udirono il rumore dei passi del Signore Dio che passeggiava nel giardino alla brezza del giorno, e l'uomo, con sua moglie, si nascose dalla presenza del Signore Dio, in mezzo agli alberi del giardino. Ma il Signore Dio chiamò l'uomo e gli disse: "Dove sei?". Rispose: "Ho udito la tua voce nel giardino: ho avuto paura, perché sono nudo, e mi sono nascosto". Riprese: "Chi ti ha fatto sapere che sei nudo? Hai forse mangiato dell'albero di cui ti avevo comandato di non mangiare?". Rispose l'uomo: "La donna che tu mi hai posto accanto mi ha dato dell'albero e io ne ho mangiato". Il Signore Dio disse alla donna: "Che hai fatto?". Rispose la donna: "Il serpente mi ha ingannata e io ho mangiato". Allora il Signore Dio disse al serpente: / "Poiché hai fatto questo, / maledetto tu fra tutto il bestiame / e fra tutti gli animali selvatici! / Sul tuo ventre camminerai / e polvere mangerai / per tutti i giorni della tua vita. / Io porrò inimicizia fra te e la donna, / fra la tua stirpe e la sua stirpe: / questa ti schiaccerà la testa / e tu le insidierai il calcagno". / Alla donna disse: / "Moltiplicherò i tuoi dolori / e le tue gravidanze, / con dolore partorirai figli. / Verso tuo marito sarà il tuo istinto, / ed egli ti dominerà". / All'uomo disse: "Poiché hai ascoltato la voce di tua moglie e hai mangiato dell'albero di cui ti avevo comandato: "Non devi mangiarne", / maledetto il suolo per causa tua! / Con dolore ne trarrai il cibo / per tutti i giorni della tua vita. / Spine e cardi produrrà per te / e mangerai l'erba dei campi. / Con il sudore del tuo volto mangerai il pane, / finché non ritornerai alla terra, / perché da essa sei stato tratto: / polvere tu sei e in polvere ritornerai!". / L'uomo chiamò sua moglie Eva, perché ella fu la madre di tutti i viventi.

Sal 129 (130)

®I l Signore è bontà e misericordia. Dal profondo a te grido, o Signore; Signore, ascolta la mia voce. Siano i tuoi orecchi attenti alla voce della mia supplica. ® Se consideri le colpe, Signore, Signore, chi ti può resistere? Ma con te è il perdono: così avremo il tuo timore. ® Io spero, Signore. Spera l'anima mia, attendo la sua parola. L'anima mia è rivolta al Signore più che le sentinelle all'aurora. ®

Lettera di san Paolo apostolo ai Romani 5, 18-21

Fratelli, come per la caduta di uno solo si è riversata su tutti gli uomini la condanna, così anche per l'opera giusta di uno solo si riversa su tutti gli uomini la giustificazione, che dà vita. Infatti, come per la disobbedienza di un solo uomo tutti sono stati costituiti peccatori, così anche per l'obbedienza di uno solo tutti saranno costituiti giusti. La Legge poi sopravvenne perché abbondasse la caduta; ma dove abbondò il peccato, sovrabbondò la grazia. Di modo che, come regnò il peccato nella morte, così regni anche la grazia mediante la giustizia per la vita eterna, per mezzo di Gesù Cristo nostro Signore.

Lettura del Vangelo secondo Matteo 1, 20b-24b

In quel tempo. Apparve in sogno a Giuseppe un angelo del Signore e gli disse: "Giuseppe, figlio di Davide, non temere di prendere con te Maria, tua sposa. Infatti il bambino che è generato in lei viene dallo Spirito Santo; ella darà alla luce un figlio e tu lo chiamerai Gesù: egli infatti salverà il suo popolo dai suoi peccati". Tutto questo è avvenuto perché si compisse ciò che era stato detto dal Signore per mezzo del profeta: / "Ecco, la vergine concepirà e darà alla luce un figlio: / a lui sarà dato il nome di Emmanuele, / che significa Dio con noi". Quando si destò dal sonno, Giuseppe fece come gli aveva ordinato l'angelo del Signore.

 

 

 


 
stampa il testo
salva in  formato rtf
Segnala questa pagina ad un amico
scrivi il suo indirizzo e-mail:
 
         
     

 
torna alla home