la parola della domenica

 

Anno liturgico C
omelia di don Angelo nella Domenica dell'ottava dopo il Natale
secondo il rito ambrosiano


30 dicembre 2018



 

 

Pr 8,22-31
Sal 2
Col 1,13b.15-20
Gv 1,1-14

Dove era? E dove è? A pochi giorni dal Natale, siamo invitati ancora una volta - forse perché non avremo mai finito di stupirci - a contemplare - perdonate se lo chiamo così - il grande viaggio, quasi lo ripercorressimo. Non ci fu viaggio, lungo i secoli, più lungo di questo interminabile viaggio. Ce lo ha ricordato il prologo del vangelo di Giovanni. Da dove? "In principio era il Verbo, e il Verbo era presso Dio, e il Verbo era Dio". Verso dove? "E il Verbo si fece carne e venne ad abitare - o, meglio, lasciamo l'immagine del verbo greco: "e mise la tenda" - in mezzo a noi".

Il racconto ci ha portato all' "in principio", in principio di ogni principio. Anche il libro dei Proverbi oggi, prima lettura, ci ha portato all' "in principio", prima degli inizi della terra. E le immagini erano di rara bellezza, erano poesia. Perché solo la poesia può alludere a quell' "in principio". E Dio non era solitudine. Non era solitudine quando ancora non c'erano le prime zolle. E, accanto a lui, nel creare, la Sapienza, che è descritta dal libro come una compagna, un artefice, un architetto che accompagna Dio nel suo creare sorgenti, quando delimita i confini dei mari o quando fissa le fondamenta della terra. Dio ha un architetto, un architetto che immagina, che progetta, che suggerisce, che inventa con lui. E Dio guarda l'architetto con gioia, come si guarda con gioia, si contempla, un bambino piccolo che gioca.

Mi dà gioia pensare che in tutte le cose c'è il segno dell'architetto, dall'artefice, cioè del creatore d'arte. Lo professiamo nel credo: "per mezzo di lui tutte le cose sono state create". In principio fu la bellezza. La bellezza dell'architetto. Mi rimane a volte un dubbio: non è forse vero che, nelle trasmissione della nostra fede, abbiamo giustamente parlato di bontà, di verità, poco, o quasi mai, di bellezza.

"Una città brutta" diceva padre David Maria Turoldo "fa brutti i cittadini, una città bella li fa belli. Così una chiesa brutta fa brutti i credenti, una chiesa bella li fa belli". Noi, per vocazione che ci viene dall' "in principio", dovremmo a nostra volta, essere artefici - fare arte -, architetti. E dovremmo ringraziare gli architetti che fanno bella una città, dovremmo ringraziare coloro, che promuovendo gesti belli, fanno bello un paese, una regione, una città, il mondo. Purtroppo, pensate, succede che li scopriamo solo quando scompaiono o quando li uccidono.

Penso a Silvia Romano volontaria, 23 anni, in Africa per progetti di cooperazione internazionale, i suoi sogni, rapita da bande armate in Kenia, per lei siamo in ansia. Una storia - la sua - che fa bella nel mondo la nostra città. Penso ad Antonio Megalizzi,giornalista trentino, 29 anni, colpito alla testa da un proiettile nell'attentato al mercatino di Natale di Strasburgo. Gli amici su una bacheca facebook hanno scritto: "Ciao, Antonio, eri dove dovevi essere, nel posto giusto, resti il sorriso e il cuore dell'Europa". Ha fatto bello il nostro paese, ha fatto bella l'Europa per cui si batteva, che amava. Non hanno certo fatto bella la nostra città gli ultrà che ieri l'altro l'hanno sporcata di violenza inaudita.

Ci tocca un impegno. A tutti i livelli. Che cosa insegnare? Insegnare la bellezza: in principio era la bellezza. S. Giovanni - è vero - scrive: "In principio era il Verbo", cioè la Parola. Ed anche questa è notizia buona: che ci sia una Parola, e non il silenzio di Dio, all'inizio, dico quel silenzio che mette paura. No, all'inizio la Parola, come desiderio e gioia di raccontare, di raccontare e di raccontarsi. La Parola, il parlarsi, come segno di amore. Non è forse vero che nel gergo dialettale - e coloro che sono carichi di anni come me lo ricordano - per dire che due si erano innamorati, di loro si diceva: "si parlano".

Ebbene l'indifferenza, la chiusura, mondi e persone, che non si parlano, sono la bruttezza del mondo. Bellezza è la Parola, è il comunicarsi, è il dialogo. E perché la comunicazione potesse annullare ogni distanza, ecco che "la Parola si è fatta carne". Un evento da sogno: siamo lontani dalle tante astrattezze. Ora Dio ci parla, ci dice il suo amore, con le labbra di un figlio d'uomo, con gli occhi di un figlio d'uomo, con l'accelerare o fermare i passi di un figlio d'uomo, con il toccare - Gesù toccava! - con il toccare tenero di un figlio d'uomo.

La parola si è fatta carne. Ora la carne è una rivelazione di Dio. Il vangelo racconta questa carne. "E mise la sua tenda in mezzo a noi": scrive il prologo... Lasciatemi sfiorare - solo sfiorare - l'immagine della tenda, per sottolineare che è mobile. Vorrei dirvi - e voi mi capite - la tenda di Gesù non è rimasta confinata ai giorni raccontati nel vangelo. Lui sposta continuamente, insonnemente, la tenda: oggi in mezzo a noi, oggi dentro di noi. Dove noi spostiamo la nostra tenda, lui sposta la sua. Benediciamo Dio per la sua tenda. E preghiamo luce per la nostra tenda. Sì vorrei concludere pregando con voi: Dio del cielo e della terra, tu ci hai parlato un giorno nella storia dei nostri Padri, da ultimo ci hai parlato nella storia di Gesù, il tuo Figlio benedetto.

Tu hai scelto una tenda come segno di un Dio che non abita l'immobilità, ma accompagna il cammino del suo popolo. Fedele al tuo sogno, il tuo Figlio ha posto la sua tenda in mezzo a noi e così ci ha insegnato ad abitare non luoghi immobili ma spazi di vicinanza, di prossimità, di fraternità. Noi ti preghiamo di abitare la nostra tenda. Ricolmala della tua benedizione di vita, come un giorno colmasti di vita la tenda di Abramo, alle querce di Mamre, quasi premio alla sua ospitalità gratuita e generosa. Donaci lo splendore dell'ospitalità che fu di Abramo, nostro padre. Donaci lo splendore dell'accoglienza che fu di Gesù, nostro Signore e Maestro.

Perché tutti, nessuno escluso, possano trovare una tenda dove i racconti incrocino altri racconti, dove i visi si accendano ancora ai sogni, dove la solitudine sia allontanata, dove il cuore riprenda ad ardere lungo tutto il migrare dei giorni.

 

Lettura del libro dei Proverbi 8, 22-31

La Sapienza grida: "Il Signore mi ha creato come inizio della sua attività, / prima di ogni sua opera, all'origine. / Dall'eternità sono stata formata, / fin dal principio, dagli inizi della terra. / Quando non esistevano gli abissi, io fui generata, / quando ancora non vi erano le sorgenti cariche d'acqua; / prima che fossero fissate le basi dei monti, / prima delle colline, io fui generata, / quando ancora non aveva fatto la terra e i campi / né le prime zolle del mondo. Quando egli fissava i cieli, io ero là; / quando tracciava un cerchio sull'abisso, / quando condensava le nubi in alto, / quando fissava le sorgenti dell'abisso, / quando stabiliva al mare i suoi limiti, / così che le acque non ne oltrepassassero i confini, / quando disponeva le fondamenta della terra, / io ero con lui come artefice / ed ero la sua delizia ogni giorno: / giocavo davanti a lui in ogni istante, / giocavo sul globo terrestre, / ponendo le mie delizie tra i figli dell'uomo". Sal 2 ® Oggi la luce risplende su di noi. Voglio annunciare il decreto del Signore. Egli mi ha detto: "Tu sei mio figlio, io oggi ti ho generato. Chiedimi e ti darò in eredità le genti e in tuo dominio le terre più lontane". ® E ora siate saggi, o sovrani; lasciatevi correggere, o giudici della terra; servite il Signore con timore e rallegratevi con tremore. ® "Io stesso ho stabilito il mio sovrano sul Sion, mia santa montagna". Beato chi in lui si rifugia. ®

Lettera di san Paolo apostolo ai Colossesi 1, 13b. 15-20

Fratelli, il Figlio del suo amore è immagine del Dio invisibile, / primogenito di tutta la creazione, / perché in lui furono create tutte le cose / nei cieli e sulla terra, / quelle visibili e quelle invisibili: / Troni, Dominazioni, / Principati e Potenze. Tutte le cose sono state create / per mezzo di lui e in vista di lui. / Egli è prima di tutte le cose / e tutte in lui sussistono. / Egli è anche il capo del corpo, della Chiesa. / Egli è principio, / primogenito di quelli che risorgono dai morti, / perché sia lui ad avere il primato su tutte le cose. È piaciuto infatti a Dio / che abiti in lui tutta la pienezza / e che per mezzo di lui e in vista di lui / siano riconciliate tutte le cose, / avendo pacificato con il sangue della sua croce / sia le cose che stanno sulla terra, / sia quelle che stanno nei cieli.

Lettura del Vangelo secondo Giovanni 1, 1-14

In principio era il Verbo, / e il Verbo era presso Dio / e il Verbo era Dio. / Egli era, in principio, presso Dio: / tutto è stato fatto per mezzo di lui / e senza di lui nulla è stato fatto di ciò che esiste. In lui era la vita / e la vita era la luce degli uomini; / la luce splende nelle tenebre / e le tenebre non l'hanno vinta. / Venne un uomo mandato da Dio: / il suo nome era Giovanni. / Egli venne come testimone / per dare testimonianza alla luce, / perché tutti credessero per mezzo di lui. / Non era lui la luce, / ma doveva dare testimonianza alla luce. / Veniva nel mondo la luce vera, / quella che illumina ogni uomo. / Era nel mondo / e il mondo è stato fatto per mezzo di lui; / eppure il mondo non lo ha riconosciuto. / Venne fra i suoi, / e i suoi non lo hanno accolto. / A quanti però lo hanno accolto / ha dato potere di diventare figli di Dio: / a quelli che credono nel suo nome, / i quali, non da sangue / né da volere di carne / né da volere di uomo, / ma da Dio sono stati generati. E il Verbo si fece carne / e venne ad abitare in mezzo a noi; / e noi abbiamo contemplato la sua gloria, / gloria come del Figlio unigenito / che viene dal Padre, / pieno di grazia e di verità.

 

 


 
stampa il testo
salva in  formato rtf
Segnala questa pagina ad un amico
scrivi il suo indirizzo e-mail:
 
         
     

 
torna alla home